Selezione di villaggi turistici della Campania per le tue vacanze nelle più belle località della regione
Villaggi Campania
Sei in: 

Campania » Napoli: A città de ‘nnumere!

Napoli: A città de ‘nnumere!

Tombola

Tradizioni di Natale: il gioco della tombola

Il Natale per i partenopei è il giorno più importante dell'anno in assoluto. E' il giorno in cui le famiglie si riuniscono e onorano le tradizioni e qual è il modo migliore di passare insieme le feste se non quello di giocare!? 

La tradizione dei giochi natalizi a Napoli è vastissima. Alcuni di questi sono molto antichi ed affondano (non tutti) le loro radici nella cultura popolare della città, questo permette a tutte le generazioni di divertirsi insieme per la felicità di nonni, genitori e figli. Giochi di carte come il Mercante in Fiera, Sette e Mezzo, l'Asso che Fugge oppure giochi ad estrazione come il Sinco sono solo alcuni degli spassi più gettonati della tradizione natalizia partenopea. Ma il gioco per eccellenza, quello che per secoli ha unito e divertito tante persone alle tavolate natalizie a Napoli è senza alcun dubbio la Tombola napoletana.

Origini, regole e curiosità sul gioco

Le regole del gioco  

In sostanza uguale al gioco conosciuto internazionalmente col nome di Bingo, la Tombola è un gioco d'azzardo, poiché per parteciparvi bisogna versare una somma in denaro che viene vinta da alcuni partecipanti durante il gioco, ma la Tombola è fondamentalmente giocata in contesti familiari quindi le somme investite sono di solito di carattere simbolico. 

La componente di fortuna tipica del gioco ha dato al termine Tombola il significato di evento fortunato.

Un giocatore ha il ruolo di croupier e ha in dotazione il cartellone completo di tutti i numeri da uno a novanta più il bussolotto o il tipico panariello con all'interno pezzi numerati analogamente. La sua mansione è quella di estrarre casualmente i numeri e annunciarli agli altri giocatori. L'annuncio dei numeri spesso è accompagnato anche dalla citazione del significato che la smorfia napoletana associa al numero. I giocatori a loro volta hanno una o più cartelle acquistate in precedenza, formate da tre righe, sulle quali sono scritti cinque numeri compresi da uno a novanta. Ogni volta che viene annunciato un numero dal croupier, ogni giocatore copre con una fiche, la casella col numero corrispondente. Nella Tombola tradizionale napoletana le cartelle sono fatte di semplice cartoncino sulle quali sono stampati i numeri, in alcuni casi con le immagini della smorfia, che vengono segnati con ceci, pasta, fagioli e i materiali che avanzano dal cenone natalizio come i gusci della frutta secca.

Le cartelle vengono acquistate nelle quantità scelte dai giocatori a prezzo unitario predefinito per cartella. Il montepremi ottenuto dall'acquisto delle cartelle viene suddiviso in premi di importo crescente con il seguente ordine: ambo (vinto dal primo giocatore che mette due numeri sulla stessa fila), terno (tre numeri in fila), quaterna (quattro numeri in fila), cinquina (tutti i numeri di una fila) e tombola (quando si arriva per primi a coprire tutti i numeri di una propria cartella).

Ulteriori regole

Per distribuire i premi con più uniformità si può stabilire che chi vince un premio su una fila non può vincere sulla stessa fila il premio successivo.

Consegue che chi fa un terno ad esempio su una fila non può fare la quaterna sulla stessa fila.

Comme ‘avuote e comme ‘o ggire, sempe sissantanove è.

Tradizionale è anche la versione della Tombola dei Femminielli che viene fatta nei quartieri popolari di Napoli. Si tratta di una versione scostumatissima del gioco dove possono partecipare esclusivamente donne e femminielli. Viene giocata di solito nei bassi e possono assistervi gli uomini solo se restano fuori la porta. Il gioco viene eseguito rumorosamente, con battute sboccate ed allusioni sessuali tipo “Comme ‘avuote e comme ‘o ggire, sempe sissantanove è” (ad litteram: “come lo volti o come lo giri sempre sessantanove è”). Il femmenèlla, ritenuto portatore di buona 'ciorta (fortuna) tira i numeri a sorte urlandoli. Il numero può anche non essere nominato palesemente, al suo posto spesso viene pronunciato il suo significato, basandosi sulla smorfia napoletana che risaputa viene compresa immancabilmente dai presenti, questo è il divertimento più grande della Tombola dei Femminielli. Infatti ad ogni numero estratto il significato di tale numero viene concatenato con quello dei numeri successivamente estratti creando storie sempre diverse che vengono commentate rumorosamente dai femminielli e dalle donne presenti che si divertono fingendo scalpore.